Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Una solida base per un mondo unificato

Il 28 aprile 1954 l’extraterrestre Alan stabilì un contatto diretto con me per la terza e forse l’ultima volta. C’era un senso di urgenza in questo contatto che non avevo percepito durante i nostri precedenti incontri. Era anche la prima volta che mi veniva chiarito che avevo un dovere e una responsabilità personali nello sforzo che Alan e i suoi amici stanno facendo per alterare il flusso naturale degli eventi, e quindi scongiurare l’olocausto che altrimenti sarebbe inevitabile. Ecco di seguito il testo del messaggio che mi consegnò:

«Se ridotta ai termini più semplici, la scienza sociale è lo studio del rapporto dell’uomo con il suo prossimo, mentre la scienza spirituale è lo studio della relazione dell’uomo con Dio. Il requisito indispensabile per progredire in entrambe queste scienze è un sincero desiderio di una migliore comprensione. Uno degli errori che è stato fatto nella traduzione della vostra Bibbia è stato che le parole “amore” e “carità” sono state usate quando le parole del testo originale in realtà erano “capire” e “comprendere”.

Nella tua Bibbia si afferma che il più grande comandamento di tutti è questo: “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua mente e con tutte le tue forze”. La traduzione avrebbe dovuto essere “Ti sforzerai di capire”. Non c’è bisogno di comandare all’uomo di amare Dio. Se l’uomo comprende Dio, l’amore segue inevitabilmente.

Ancora una volta, c’è l’affermazione: “Anche se parlassi le lingue degli uomini e degli angeli ma non avessi la carità (comprensione), sono come un bronzo che suona o un cembalo che tintinna”. È ovvio che non importa quanto fluentemente un uomo possa parlare, le sue parole non possono avere un vero significato a meno che non capisca quello di cui parla.

I vostri libri di filosofia affermano che l’uomo dovrebbe amare il prossimo e perdonare i suoi nemici. I nostri dicono che se un uomo capisce il suo prossimo e il suo prossimo a sua volta lo capisce, non diventeranno mai nemici. Comprendere il tuo prossimo richiede la capacità di metterti al suo posto e di vedere le cose come lui le vede. C’è una grande differenza tra conoscenza e comprensione. La sede della conoscenza è nella testa, ma la sede della comprensione è nel cuore.

Il bisogno vitale del vostro mondo oggi è la semplice comprensione tra i popoli delle vostre nazioni. C’è poco valore in un trattato, in un patto o in una garanzia tra governi, se manca la comprensione tra i popoli.
Ciò che le persone del vostro mondo devono riconoscere è che i bisogni e i desideri, le speranze e le paure di tutte le persone sulla vostra Terra, sono in realtà identici. Quando questo fatto diventerà parte della comprensione di tutti, allora avrete una solida base per la formazione del “Mondo Unico” di cui i vostri politici parlano in modo così disinvolto, e i vostri leader spirituali in modo così malinconico.

Il popolo della vostra nazione, attraverso il vostro governo, spende miliardi di dollari ogni anno in “aiuti esteri”, curando i sintomi della malattia. State spendendo decine di miliardi all’anno in preparazione del conflitto globale che, se arriverà, dimostrerà solo che la malattia è diventata fatale.
Se il dieci per cento di questo denaro e di questi sforzi fosse speso in un attacco alla malattia stessa (che è semplicemente la mancanza di conoscenza nell’individuo e la mancanza di comprensione tra di loro) in pochi anni la malattia sarebbe guarita.

Le industrie delle vostre nazioni, liberate dalla necessità di spendere metà del loro tempo e delle loro energie per produrre i mezzi di distruzione, potrebbero elevare gli standard di vita di tutti sulla vostra Terra al punto che ci sarebbe completa libertà dal bisogno. Con la libertà dal bisogno arriva la libertà dalla paura e la vostra civiltà sarebbe al sicuro oltre il punto critico nel suo sviluppo. La vostra più grande era, la vostra Età dell’Oro si trova appena davanti a voi. Dovete solo passare attraverso la porta giusta.

Vi ho dato tutte le istruzioni che siete in grado di assorbire in questo momento. Fai tutto il possibile per portare le nostre parole all’attenzione della tua gente. Se fai qualche progresso ti contatteremo di nuovo. Come ho detto prima, non imporremo e non possiamo imporre la nostra conoscenza o la nostra cultura alla vostra razza, né possiamo apparire di persona davanti al vostro popolo nel suo insieme a meno che e fino a quando non ci siano prove sostanziali che la maggioranza lo desideri. Questo è purtroppo ben lungi dall’essere possibile al momento attuale.

Vi lascio con un’ultima citazione dalla vostra filosofia: “Esaminate tutte le cose. Aggrappati a ciò che è buono”.

Arrivederci, Dan. Fai del tuo meglio».

Daniel Fry
Fonte: https://danielfry.com

A cura di Riccardo Furia

 

Approfondisci l’argomento con i nostri articoli disponibili su SaraS Shop online

X