Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Il futuro del pianeta Terra

delfini-al-tramonto-8883602

Quando vi sarà dato di viaggiare nello spazio sulle nostre astronavi, vi diremo altre cose che ci sta a cuore trasmettervi. Questa missione ha il compito di darvi delle conoscenze e di favi fare esperienze che vi pongano in grado di trasmettere ai vostri fratelli della Terra il nostro messaggio.
Tutta la vita universale è in comunione. Quando un pianeta è in pericolo e minaccia la pace e l’armonia dell’intera famiglia del Padre, noi operiamo in suo nome per la salvezza.
Il bene produce altro bene, la gioia diffonde gioia. L’Amore produce Amore e la conoscenza altra conoscenza. Tutta la vita universale è in movimento. La stessa legge vale per il male, che produce altro male, se non serve a comprenderne l’inutilità e dannosità. Il male sul vostro pianeta ha già prodotto tanto male da realizzare morte e distruzione quali mai si videro prima. Ma noi siamo qui a rassicurarvi che sarà fatto quanto occorre per la vostra salvezza.
Tutti i figli dell’Amore Universale sono ora all’opera in favore del vostro pianeta che versa in grave pericolo. Presto i figli della Terra si troveranno in un dolore mai visto nella loro storia.
Noi siamo scontenti del comportamento dei fratelli della Terra. Nel tempo abbiamo dato vari avvertimenti, e i segni non sono mancati. Eppure, i fabbricatori della morte e della distruzione sono andati avanti nei loro progetti tremendi, e gli altri hanno vissuto senza darsi eccessiva preoccupazione, intenti soltanto ai loro affari. Il Padre non può ulteriormente tollerare la stolta pervicacia di molti uomini della Terra, e presto questi si daranno da soli un grande castigo che servirà a purificare i cuori, ma anche a fermare la distruzione in atto e irreversibile delle meravigliose realtà create sul pianeta.
Noi rivolgiamo agli abitanti della Terra un estremo invito affinché tutti coloro che hanno a cuore il trionfo della bontà, del ritorno alle cose semplici e profonde della vita, si uniscano a noi, al nostro operare per la loro salvezza.
Noi non potremmo dare nuove conoscenze ai figli della Terra finché essi non avranno rinunciato definitivamente al male che è in loro. Ma la Terra non può restare al punto in cui si trova: una nuova era è necessaria per portare tutta l’umanità a compiere il giusto passo evolutivo che la salvi da millenni di storia di sangue e rovine.
Noi invitiamo tutti gli uomini di buona volontà ad alzare gli occhi al cielo, a essere migliori anche soltanto per pochi minuti ogni giorno, ad aprire anche un solo spiraglio alla bontà e all’umiltà, affinché i loro occhi si possano aprire ed essi possano vedere chiaramente tutta la pericolosità dell’attuale situazione sulla Terra. Allora, e solo allora, noi potremo far penetrare nel loro cuore il nostro messaggio di speranza e di salvezza. Non occorre fare molto, ma quel poco si faccia in ogni cuore e nelle azioni semplici di ogni giorno.
Nessuno, proprio nessuno, sulla Terra può ormai salvare il pianeta dalla rovina alla quale è stato avviato da uomini insensati.
La salvezza verrà dal cielo; ma abbiamo bisogno della collaborazione di tutti, di un po’ di bontà e di conversione al bene che ognuno può operare in se stesso e dove vive: ognuno può mettere una piccola pietra; tante pietre saranno da noi radunate e poi faremo il resto affinché l’edificio dell’Amore e della salvezza sia edificato per il futuro.
La nostra afflizione per voi è una piccola parte di quella del Padre.
Vi state avvicinando agli ultimi tempi di una storia giunta all’estremo limite concesso dalla giustizia delle leggi universali del Padre e non ve ne accorgete: siete come ciechi. Noi vi diamo continui richiami, e voi non li sentite, come se foste sordi. Non volete più pregare chi può salvarvi perché siete impediti dalla vostra mancanza di umiltà e vi avviate verso un precipizio senza precedenti e non ve ne date pena.
Noi vogliamo che ve ne rendiate conto e che possiate fare quanto è richiesto dalle giuste leggi universali affinché noi possiamo evitarvi molto dolore.
Questo, tuttavia, sarà inevitabile affinché possa sorgere sul pianeta un nuovo giorno che vedrà sconfitti per sempre il male e il dolore, ma è possibile evitare il peggio; forse è ancora possibile. Questo è l’ultimo grande messaggio d’Amore e di Salvezza che noi diamo per ridestare la vostra coscienza alle cose che stanno per accadere.
I fatti che fra poco accadranno smorzeranno l’orgoglio di molti, e gli animi saranno più disposti ad ascoltare perché vedranno sempre più che gli avvenimenti concorderanno con quanto voi direte.
Quando Iddio chiese a Mosè di condurre fuori dalla schiavitù il suo popolo, e Mosè fece presente la sua incapacità a farsi credere, il Signore gli assicurò che gli avrebbero creduto perché avrebbero visto avverarsi le sue parole.
Certamente, anche voi dovrete subire la derisione e la contestazione di molti, e le vostre parole non potranno far correggere gli uomini privi di umiltà.
Ma voi lo direte ugualmente, e noi vi assisteremo. E’ urgente richiamare tutti alla realtà, e invitare ognuno a cambiare il proprio cuore e la propria vita con semplicità e bontà, anche soltanto un poco ogni giorno.
Noi vi insegneremo anche a pregare come dovreste, e tutti capiranno che pregare è la cosa più bella che i figli del Padre possano fare. Non vi è nulla di più semplice e grande che mettersi in contatto con tutta la fratellanza dell’Amore Universale dei figli del Dolce Padre Creatore. Questa è un’altra delle cose che gli uomini della Terra dovranno fare con semplicità e bontà per riuscire a ottenere salvezza. Pregare significa elevare il proprio cuore al cielo, al Creatore, a noi che siamo i suoi figli fedeli. Pregate e fatelo come sentite, come volete; ma pregate. Per fare una preghiera basta poco.
Questo tempo, sulla Terra, fu predetto da millenni. Vi furono dati segni per riconoscerlo, e questi segni vi sono stati e vi sono tuttora.
Ma gli uomini sono troppo intenti ai loro profitti egoistici, sono troppo distratti dalle loro ansie e da una volontà di proseguire nel loro cammino sbagliato.
Di queste cose vi parleremo più a lungo a bordo delle nostre astronavi.
Per ora vi dico che un tempo meraviglioso sta per sorgere sulla Terra. Verrà l’era predetta nella quale tutti i sogni dei buoni si avvereranno, non vi sarà più morte, né malattia, né sofferenza. La giustizia sarà viva nel cuore e nella vita dei figli della Terra. Ma gli uomini hanno il potere di far venire per il pianeta la fine delle fini, se lo vorranno distruggere irreparabilmente.
Noi interverremo per salvare le vittime di tanto scempio. Dipende da voi tutti evitare una tale catastrofe e permettere che sulla Terra possa esservi, dopo la bufera, un tempo di pace e di gioia nella via della conoscenza e nell’attesa di passare a pianeti più evoluti.
In caso diverso, questo tempo lo realizzeremo ugualmente, ma potrebbe essere brevissimo. Dopo di che, si compirebbero tutte le profezie che annunciano la fine. Infatti, gli eventi furono scritti, ma l’ora e la durata sono conosciute soltanto dal Padre Iddio; e questo perché la libertà di tutti i figli del Creatore è una verità non fittizia.
Si farà quanto sarà necessario ma presto si avvereranno le parole del profeta e tutta la Terra ne sarà stupita.
Io sto per creare cieli nuovi e una nuova Terra. Non si ricorderanno più le cose del passato, esse non torneranno più in mente a nessuno. E si vivrà sempre nella gioia.
Il lupo e l’agnello pascoleranno insieme, il leone mangerà la paglia come un mite bue. Non vi sarà più male sulla Terra, né distruzione. Ecco quanto avverrà presto sulla Terra dopo le cose che stanno per accadere.
Vorremmo potervi parlare quanto di bello vi attende, ma non possiamo non richiamare il mondo alla realtà attuale. A causa dell’egoismo di molti, vi saranno guerre e distruzioni e dovrete passare attraverso una dolorosa purificazione prima che le parole che vi ho citate divengano realtà. Pregate che il tempo del male sia abbreviato.
Sodomia e Gomorra furono realmente distrutte dal fuoco per una salvezza superiore a quella della materia che essi avevano depravato. Noi siamo qui per tutti i figli della Terra ad annunciare un imminente castigo.
Se oggi ci presentassimo come allora, non subiremmo migliore sorte dei fratelli che furono inviati a dare l’annuncio della prossima fine. Gli uomini corrotti di quella città volevano usare violenza contro i nostri inviati. Oggi andremmo incontro a una sorte peggiore: i migliori riderebbero indifferenti.
Non saremo noi come allora ad intervenire col fuoco per impedire che si apra sotto i vostri piedi un abisso: la punizione ve la state preparando da soli.
Noi useremo il fuoco per dare nuova vita alla distruzione che voi avrete prodotto deturpando il pianeta.
A nulla servirebbe togliervi le armi micidiali da voi preparate, poiché voi vi mettereste a crearne altre. Gli effetti di morte e distruzione di quelle vi puniranno e vi metteranno in condizione di comprendere. Il pianeta risorgerà con coloro che avranno meritato di abitarlo per un nuovo tempo. La Terra allora sarà nuovamente giardino di Eden.
Purtroppo gli uomini della Terra oggi credono che le Scritture siano favole e fanno ogni sforzo per convincere i loro simili che quanto fu scritto è soltanto simbolico.
Questo è un grave male che porterà fra gli uomini una maggiore cecità.
Noè venne deriso allorché predisse il diluvio, che poi venne. Sta scritto che ciò avvenne per la corruzione degli animi. Quando si deturpano le proprie energie spirituali, la vita materiale e cosmica connesse strettamente con lo spirito ne subiscono tutte le conseguenze. Ogni inquinamento spirituale produce inquinamento nelle altre dimensioni, che con lo spirito vivono in comunione.
Il vostro pianeta è sempre più inquinato perché lo è il vostro cuore. La cattiveria, e quindi l’inquinamento degli uomini al tempo di Noé, produsse quella catastrofe. Oggi ne state realizzando una ben peggiore per le sue conseguenze. Vi diamo ancora questi ultimi avvertimenti nella speranza che vi ravvediate, ma non intendiamo più esporre i nostri fratelli come facemmo a Sodomia e Gomorra quando gli uomini di quelle città tentarono di usare violenza ai nostri messaggeri.
Voi ormai credete sempre meno alle profezie che in ogni tempo hanno avuto avveramento. Presto il lamento su Babilonia sarà una realtà sulla Terra. Sono già passati i tre angeli dell’Apocalisse ad avvertire l’uomo di quanto accadrà, ma nessuno, o pochi, li hanno accolti e ascoltati.
Già da tempo la preghiera dei martiri ha ottenuto la fine sulla Terra del dolore e dell’ingiustizia dei fratelli buoni. E’ già stato tolto il settimo sigillo da chi aveva ed ha il potere di farlo. Ora, per la stoltezza e la caparbietà di molti, la Terra udrà i sette tuoni e berrà i sette calici che contengono le sette piaghe. Ma questo tempo sarà molto abbreviato per le preghiere dei buoni, come fu scritto.
Tutti gli uomini della Terra che amano la vera giustizia e il trionfo dell’Amore del Padre Universale sulla Terra, nulla hanno da temere. Se demmo assistenza nel deserto ad un popolo, immaginate ora quale aiuto e assistenza daremo al genere umano che si raccoglierà sotto il vessillo dell’Onnipotente Iddio nel deserto senza precedenti di questo fatale momento storico. Voi ci avrete sopra di voi e con voi. Non vi abbandoneremo mai, e per voi riusciremo a portare in salvo tanti fratelli che diversamente andrebbero perduti.
A quel tempo vi fu Mosè a condurre il popolo che volevamo salvare dalla schiavitù. Vi erano motivi molto grandi perché decidemmo di farlo. Oggi è l’ora della verità universale per voi, e un novello Mosè trarrà in salvo tutti coloro che lo vogliono, senza distinzione di razza e di popolo. Egli sarà in grado di leggere in ogni cuore anche il minimo anelito alla bontà e alla giustizia che sono sinonimi di Amore Universale.
Sta scritto che, in quel momento, di due uomini che saranno nel campo: uno sarà preso e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una sarà presa e l’altra lasciata. Noi salveremo chi sarà in condizione di poter essere salvato.
Non potremo usare violenza contro nessuno, nemmeno a scopo di salvataggio. Non possono essere portati dei fratelli in mondi che non sono di loro gradimento. Il Padre non obbliga nessuno ad andare a Lui per forza. Ognuno lo fa o lo farà liberamente, per propria scelta. Poiché l’ora e vicina, è necessario che si rifletta perché quel tempo che la stoltezza dell’uomo sta preparando non sorprenda nessuno.
La Scrittura vi mise in guardia dall’essere ipocriti. Vi fu detto che segni dal cielo vi avrebbero preannunciato il nuovo tempo dell’Amore sulla Terra, preceduto da cose terribili. Non vi pare che siano questi i segni predetti?
Le nostre astronavi e i nostri dischi si mostrano sempre in maggior numero ai terrestri. Dal cielo vi mostriamo luci in movimento e segni nel sole, nella luna e nelle stelle.
Tanti uomini della Terra assistono a fatti straordinari. Non vi pare che vi stiamo dando da tempo l’annuncio dell’avveramento di tutte le profezie?
I segni sono già alti nel cielo. Fenomeni predetti da Giovanni, quali le acque che sarebbero divenute rosse nei mari e nei fiumi, già si sono avverati.
Già è stato realizzato quanto ha potere di uccidere gli uomini della Terra e di lasciare intatte le cose. Queste ed altre cose, se vi porrete attenzione, vi daranno la conferma che già siete nel tempo profetizzato.
Rumori di guerre e popolo contro popolo mai vi furono nelle attuali condizioni, nelle quali è possibile la totale distruzione del pianeta. Non vedere è cecità e non udire è sordità.
Colui che venne ad annunciarvi queste cose vi invitò a comprendere e a non essere ipocriti. Ciò che vi interessa secondo gli schemi umani voi lo capite. Allargate dunque il vostro cuore e aprite la vostra mente alle cose che vanno oltre e che potranno fare la vostra vera felicità.
Non temete: nessun uomo di buona volontà lascia entrare nel proprio cuore paura e sgomento. Per chi ama la pace e la verità presto vi sarà gran festa.
Non un capello del vostro capo sarà toccato senza un reale motivo a conoscenza del Padre Universale. Vivete in questa certezza e riempite il vostro cuore di speranza e di pace.
A Fatima migliaia di uomini assisterono al grande segno apocalittico del sole. Due grandi guerre sono state segni inequivocabili della verità di quel messaggio chi io vi ho comunicato e che altro non era che una chiarificazione delle Scritture nel vostro tempo.
State percorrendo il tempo che precede immediatamente il Regno dei Mille Anni profetizzato da Giovanni. Presto conoscerete che cosa egli volle profetizzarvi quando parlò di quel Regno, e in esso pose la prima resurrezione. Saprete che cosa significhi per i superstiti essere rapiti fra le nubi per andare incontro al Signore nell’aria.
Sorgerà presto il nuovo giorno in cui sulla Terra vi sarà una nuova umanità. Gli animali non saranno più feroci, né velenosi, né nocivi.
Il vostro dispiacere per i fatti luttuosi che vi attendono si muterà in una gioia per voi ora inconcepibile.
Saremo con voi fino al compimento di queste cose e ancor più dopo, nella nuova èra dell’Amore Universale sul vostro pianeta.
 

Gli Extraterrestri in missione sulla Terra

 

 

 
 
X